Carlos Spottorno

Carlos Spottorno (a sinistra) è un fotografo documentarista spagnolo con un background artistico che ha focalizzato i suoi principali progetti personali su temi legati al potere, all’economia e alle questioni sociali. Nato a Budapest nel 1971 ma cresciuto tra Roma, Madrid e Parigi. Si è laureato in pittura e incisione all’Accademia di Belle Arti di Roma e ha trascorso alcuni anni nel mondo della pubblicità come Art Director. Passato alla fotografia nel 2001 e da allora ha prodotto numerosi progetti, sia personali che assegnati, come fotografo e regista. Dopo tre anni di viaggio, 25.000 foto, 15 quaderni di appunti, decine di articoli e un World Press Photo vinto, insieme al giornalista Guillermo Abril pubblica un libro sulle frontiere dell’Unione europea che unisce immagine e testo in una forma di racconto inedita e di grande impatto: La crepa. Marocco, Turchia, Lampedusa, Ungheria, Ucraina, Finlandia sono luoghi in cui le culture vengono a confronto e in cui gli uomini cercano di superare i confini per approdare a un futuro migliore. Tra viaggi della speranza, campi profughi, estremi gesti di accoglienza, ma anche sacche di razzismo e xenofobia, Spottorno e Abril parlano del nostro mondo con la forza dell’immagine e la semplicità di un testo fatto di didascalie ricche di informazioni che si fanno racconto attento e delicato.